Ultima modifica: 29 Gennaio 2020

ad occhi chiusi

ad occhi chiusi
Mark Rothko & 4E arti figurative

Partendo dalle opere di Mark Rothko abbiamo elaborato dei progetti che riflettessero la nostra esperienza individuale e la nostra interiorità. Ognuno di noi ha avuto la possibilità di dare accezioni nuove e completamente personali al colore.

Le parole che indicano i colori non sono altro che etichette, nomi che non hanno come funzione principale quella di descriverli.

ad occhi chiusi è un viaggio nel rapporto tra colore ed emotività. Prima di essere luce o materia, prima di essere sensazione o percezione, il colore è astrazione, idea, concetto. L’occhio cattura la luce e la ragione la traduce nella fantastica esperienza attraverso la quale l’uomo è in grado di percepire.

Se teniamo gli occhi aperti all’interno di una stanza completamente buia avvertiamo un senso di privazione: l’occhio abbandonato a sé stesso manca del contatto che lo unisce al mondo esterno. Le relazioni tra colore e spazio permettono di mostrare le varie sfumature della realtà, ma il mezzo per attingere all’infinito è il sentimento.

In assenza di luce, la mente infrange la superficie e viene inghiottita dalla profondità dei sensi. Forse annullare lo stimolo visivo non impedisce il colore, ma lo avvicina.

Cosa succede quindi quando gli occhi si chiudono?

Link vai su